030 990 25 12

Viale Motta 49 – 25015 Desenzano del Garda (BS)

Bando Aperto

Credito d’imposta Ricerca e Sviluppo, innovazione e tecnologia: cambiano le aliquote e l’importo

Il credito d’imposta Ricerca e Sviluppo rappresenta un’opportunità per le imprese: accedervi, traendo il massimo vantaggio, senza incorrere in sanzioni, è fondamentale. In questo senso, rivolgersi a un partner specializzato elimina il rischio e massimizza il risultato.

GFA Finanza Agevolata è il punto di riferimento delle imprese per l’analisi delle esigenze finanziarie e la scelta delle attività agevolative, dagli incentivi per giovani imprenditori, nuove imprese e imprenditoria femminile ai bandi camerali, regionali e nazionali; dai contributi a fondo perduto ai finanziamenti agevolati alle imprese a tasso zero.

Individuiamo le tipologie di sostegno più adatte per il tuo business, come nel caso del credito d’imposta Ricerca e Sviluppo, misura particolarmente interessante per le imprese innovative.

Vediamo in che cosa consiste e le novità.

Novità e cambiamenti nel credito d’imposta R&S

La legge di Bilancio del 2021 ha introdotto una serie di novità relative al credito d’imposta in ambito Ricerca e Sviluppo. Tra i cambiamenti più significativi ci sono quelli riguardanti le aliquote ritoccate nel segno del potenziamento: salgono massimo all 20% (in precedenza erano al 12%) con un tetto massimo di 4 milioni di euro.

Differente è anche la modalità di calcolo: oggi viene conteggiata la percentuale degli investimenti agevolabili effettuati.

Le attività R&S ammissibili al credito d’imposta sono quelle relative alla “ricerca fondamentale”, alla “ricerca industriale” e allo “sviluppo sperimentale”.

Attenzione, però, alle sanzioni: anche con il nuovo credito d’impresa sembra resti la difficoltà nell’individuare esattamente gli investimenti agevolabili, con il rischio di incappare negli accertamenti dell’Agenzia delle Entrate per indebita fruizione del credito d’imposta. Da qui la necessità di affidarsi a partner esperti nella materia.

Sanatoria credito d’imposta, beneficiari, progetti modalità

La sanatoria in ambito Ricerca e Sviluppo è rivolta alle imprese che hanno usufruito del Credito d’imposta negli esercizi dal 2015 al 2020.

Ma quali sono i progetti che possono richiederla e come avviene in concreto?

La sanatoria prevede la restituzione del Credito d’imposta goduto senza sanzioni, eliminando la possibilità di incorrere in sanzioni penali per Credito Inesistente, per tutti quei progetti che non rispondono ai requisiti del Manuale di Frascati.

Attenzione ai termini da rispettare: la richiesta di adesione alla sanatoria deve avvenire entro e non oltre il 30 ottobre 2022.

Vuoi scoprire se i tuoi progetti rispondono ai requisiti di innovazione richiesti? Contatta il nostro esperto, potrai approfondire l’argomento e trovare risposta a tutte le tue domande.

GIANNI GORNO

tel. 338 19.13.755

g.gorno@gruppogfa.it

ELEVATE YOUR BUSINESS WITH

Valiance theme

Limitless customization options & Elementor compatibility let anyone create a beautiful website with Valiance.